sabato 29 dicembre 2012

Francesca Martinelli: due gare in 12 ore

Francesca Martinelli la sera di sabato 22 dicembre ha vinto la categoria femminile alla Lavaronda, quarta tappa Dolomitisottolestelle e prima gara della Prowinter Cup, con il tempo di 1h 16' 28'' davanti a Roberta Secco (1h 26' 10'') e Monica Sartogo (1h 28' 09''). Gara ricca di emozioni quella di Lavarone, dove tra gli uomini si è imposto Lorenzo Holzknecht (1h 02' 35'') davanti a Thomas Martini (1h 04' 22'') e Marco Facchinelli (1h 04' 50''). Dopo le fatiche della notte, Francesca è giunta seconda (a 4' e 17'') dietro a Gloriana Pellissier, molto tonica e carica, alla Misurina Ski Raid della domenica mattina. Un bel 'tour de force'...

Francesca: due gare in poco più di dodici ore... considerando anche che il via alla Misurina Ski Raid è stato anticipato di quasi un'ora.


«Eh, sì, ho bisogno di allenarmi: lavorando tanto d'estate sono sempre indietro di preparazione a inizio stagione. Sapevo già che a Misurina avrei preso la batosta comunque: Gloriana va molto forte, e poi quest'anno sta davvero bene ed è molto motivata. Quindi ho corso anche a Misurina, che è stata una gara davvero impegnativa, sapendo che il carico della Lavaronda non avrebbe comunque influito sul risultato di classifica».

A Misurina ti abbiamo seguito direttamente. Com'è stata invece la gara al Lavaronda?

«Bella e divertente. C'era un po' di tutto: cambi, stradine, muri ripidi, e ovviamente le discese in pista, essendo notturna. Io di quel tipo di gare, come il Sellaronda, il Civetta, ne ho fatte poche. Però mi piacciono e, anche se si preferisco le gare fuori pista, ci vogliono anche queste. E allenano molto anche alle altre. Non vedo tutta questa contrapposizione tra le gare in pista e quelle fuori, come spesso si sostiene. Anche in altri sport ci sono tecniche e discipline diverse, che possono coesistere benissimo. Certo, ci saranno gli specialisti dell'una e quelli dell'altra».

E come ti sentivi al Lavaronda?

«Bene, anche perché la sera io vado sempre molto meglio. Ho i bioritmi a punto di notte, mentre la prima parte della giornata faccio sempre fatica!

 

 



Vai a leggere la versione originale dell'articolo su skialper.it

Nessun commento:

Posta un commento

Facci sapere cosa ne pensi...